Abbiamo ricevuto in questi giorni una copia del lavoro "Esoterismo ed Architettura dei Lumi" che ci è stata gentilmente sottoposta dall'autore, Gabriele Bellotti, che ringraziamo!

La lettura sarà indubbiamente interessante e vi terremo presto informati con una recensione. A presto!

...Credo che in questa luce vada letta la ricerca di Gabriele Bellotti, che aggiunge un punto di vista alla lettura di Laugier, mostrando come le orgini del razionalismo moderno muovano i primi passi non da un deciso distacco dalla stagione dell'oscurità e del mito, bensì da un faticoso sottrarsi e da un tentativo di piegare le antiche modalità di decifrazione ai nuovi paradigmi, al "nuovo modello"...

Pierluigi Panza

 

Cari Amici e Amiche, Fratelli e Sorelle, abbiamo il piacere di comunicare la creazione del nuovo sito di ETICA Associazione Culturale – ETICA Edizioni – S.EU.RE. Seguiteci!

Chers (Chères) Amis (Amies), Frères et Sœurs, nous avons le plaisir de vous annoncer la création du nouveau site web de ETICA Associazione Culturale – ETICA Edizioni  - S.EU.RE. Suivez nous!

Dear Friends, Brothers and Sisters, we are pleased to inform you about the creation of the new web site of ETICA Associazione Culturale – ETICA Edizioni – S.EU.RE. Follow us!

Inoltre, sul lato destro del sito, potete scorrere sulle linguette di Facebook e di Google+ per vedere gli ultimi post senza lasciare questo sito o... per cliccare su "Mi Piace"!

Il sito di news Il Monferrato.it pubblica un articolo sulla presentazione del libro "Alla Ricerca della Verità" di Renato Vellano, pubblicato da Etica Edizioni.

Cliccate su questo link per leggerlo!

~ A modo di enigma ~

Ma forse che sempre “zoppe”, conforme ad Omero, e “vizze” dovranno esser dette le “figlie del gran Zeus”, le inette “inseguitrici di Ate”, le “losche d’entrambi gli occhi”, benché “pieghino” l’Olimpo “con sacrifici, con suppliche blande, con libagioni e fumo”?

Altri mari lassù, e dunque altri lidi, che ombra e luce insieme delimitano: sirti, riviere, lagune, colli d’istmi orlati d’azzurro e ancor più glauchi guadi. 

Il Grande Inquisitore è un vecchio sui novant’anni, alto e diritto, con un volto scarno e occhi incavati da cui tuttavia si sprigiona ancora, quasi una scintilla infuocata, un lucente bagliore.