Gnosi e Gnosticismo

Sinonimi solo in apparenza

 

In un precedente articolo abbiamo definito la Gnosi come una forma di conoscenza, o meglio la Conoscenza allo stato puro.

Questa distinzione appare determinante soprattutto se si considera che non stiamo parlando né di erudizione, intesa come ricchezza d’informazioni, né di sintesi di dottrine religiose o di postulati filosofici.

La Gnosi è, a tutti gli effetti, l’espressione dell’Intelligenza individuale, libera da ogni tipo di sovrastruttura ideologica o culturale.

Diventa molto difficile distillare un simile concetto dal coacervo di teologie, dogmi e insegnamenti di vario genere, che allagano il sapere di ogni cultura, mascherandosi dietro il paravento della pseudo erudizione o della paccottiglia dottrinale.

La Gnosi, quella Vera, si ottiene per illuminazione diretta, senza alcuna mediazione che la possa distorcere o plasmare ai propri fini.

Una simile Conoscenza è impossibile da condividere, di qui nascono le tante incomprensioni sul tema, e la si può unicamente sperimentare su se stessi: la si può solamente vivere come esperienza personale.

La Gnosi (Conoscenza) può essere applicata a qualsivoglia disciplina, allo studio della Natura (Scienza), al rapporto con il Divino (religione), allo studio dell’Uomo (umanesimo).

Quindi la Gnosi può rappresentare l’essenza del metodo diretto che permette di giungere alla Conoscenza di un determinato ambito del Sapere.

Lo Gnosticismo è qualcosa di radicalmente diverso. Gli studiosi affermano, in modo quasi univoco, che sia impossibile identificare lo Gnosticismo in un movimento di pensiero, essendo tale espressione riferibile ad oltre 70 dottrine differenti moltiplicate nel corso di tre secoli, tra il II e il IV dell’Era cristiana.

Potremmo parlare di Gnosticismi, ovvero di differenti movimenti sviluppatisi in un periodo di alcuni secoli in un’area geografica sicuramente molto ampia, grande quanto le terre allora conosciute.

I vari movimenti gnostici si svilupparono come sovrastrutture religioso-filosofiche di natura sincretica, ovvero come tentativi non sempre riusciti di fusioni dottrinali, applicate alle religioni presenti e radicate in determinati luoghi.

Partendo dal lontano Oriente, giungendo alla cultura ellenistica, alla Persia di Alessandro Magno, fino all’Egitto e alla Roma dei primi cristiani.

Alcuni considerano gli Gnostici i primi teologi cristiani, successivamente esclusi dal Cristianesimo stesso, quando iniziarono ad individuarsi le prime sovrastrutture dogmatiche.

Lo gnosticismo iniziale dell’era cristiana dei primi due secoli, vedrebbe tre momenti di iniziale differenziazione:

Una tradizione ellenico - cristiana che esalta l’aspetto trascendente dello Spirito e che condanna la materialità del corpo.

Una seconda area, di tipo prettamente pagano, tenderebbe ad esaltare le trasgressioni morali, per confutare le regole imposte dalle religioni tradizionali.

Una terza via, di tipo squisitamente orientale, a differenza delle precedenti che si pronunciavano verso la dicotomia del tradizionale dualismo gnostico, tendeva a formulare una sintesi trascendente che sublimasse la citata dicotomia.

Cercando di comprendere il vero significato di una presenza così complessa e articolata di movimenti e teologie, potremmo immaginare che alcuni Gnostici puri abbiano cercato di operare forme di ideale sincretismo con le religioni esistenti, con tentativi spesso inutili o maldestri, che determinarono la nascita repentina e la scomparsa altrettanto rapida dei movimenti stessi.

Risulterebbero quindi errate o inesatte quelle definizioni che vorrebbero considerare lo Gnosticismo (Gnosticismi) una degenerazione del Cristianesimo: si tratterebbe di un movimento sincretico che tentò di fondersi con il Cristianesimo, portando con sé elementi preesistenti  di matrice misterica, magica astrologica, ellenistica, giudaica ed ermetica.

Da ricordare che il corpus dei Vangeli cristiani comprende, oltre ai 4 Vangeli Canonici (Giovanni, Luca, Matteo e Marco), i Vangeli Gnostici (Giuda, Maria, Filippo, Verità, Segreto di Marco e del Salvatore), il Vangelo degli Ebrei, il Vangelo degli Ebioniti e dei Nazarei, i Vangeli dell’Infanzia (Giacomo, Tommaso, siriaco, pseudo-Matteo, Storia di Giuseppe il falegname), Vangeli di Marcione, Nicodemo, Pietro e Barnaba. Infine le varie Apocalissi: Paolo, Pietro, Tommaso, Stefano, 1 Giacomo, 2 Giacomo e Vergine.

La distinzione tra i 4 Canonici e gli altri fu stabilita nel 325, durante il Concilio di Nicea I, voluto dall’Imperatore Costantino, per basare il nuovo Credo cristiano su dei testi che fossero il più possibile omogenei e conformi con il messaggio che si voleva diffondere.

Secondo alcuni i tre Vangeli, Matteo, Marco e Luca, furono definiti “Sinottici” perché possedevano delle reali affinità e potevano essere accostati tra loro. Ai 3 Sinottici si aggiunse il Vangelo di Giovanni a formare il Corpus dei 4 Vangeli Canonici.

Molte leggende furono proposte per spiegare i criteri della scelta operata durante il Concilio di Nicea I, scelta che peraltro derivò da una votazione con maggioranza molto risicata…

Voltaire raccontò una sua versione piuttosto divertente:

«I Padri del Concilio distinsero tra libri delle Scritture e apocrifi grazie a un espediente piuttosto bizzarro: avendoli collocati alla rinfusa sull'altare vennero detti apocrifi quelli che caddero in terra.»

Un altro sistema adottato fu quello di rimetterli sul tavolo e lasciare scendere delle Colombe dopo averle benedette. Dove si posavano significava che i libri fosse Vangeli ispirati dal Signore. C'è chi racconta che si posarono sugli stessi non caduti nella prima prova ma la storia ci insegna che in realtà a Costantino interessava una cosa sola per rafforzare il suo potere politico e la sua influenza sull'Impero Romano: Provare la divinità di Cristo. I 4 Vangeli detti in seguito Sinottici, descrivono infatti Cristo come Dio in Terra. Ma gli altri, quelli apocrifi, no.

Lo studioso tedesco Wilhelm Schneemelcher definiva gli apocrifi come "scritti non accolti nel canone, ma che, mediante il titolo o altri enunciati, avanzano la pretesa di possedere un valore equivalente agli scritti dei canone, e che dal punto di vista della storia delle forme prolungano e sviluppano i generi creati e accolti nel Nuovo Testamento, non senza peraltro la penetrazione anche di elementi estranei".

 

Concludiamo questo capitolo su Gnosi e Gnosticismo senza la pretesa di aver sviluppato a fondo l’argomento, ma rimandando il Lettore a prossimi approfondimenti legati ai testi di ispirazione gnostica.

 

Giancarlo Guerreri  - Redattore CIVICO20NEWS, per gentile concessione dell'autore: https://www.civico20news.it/sito/articolo.php?id=43142

 

 

Giovedì 18 novembre 2021, alle ore 21:00, Conferenza Webinar

GNOSTICISMO E CRISTIANESIMO, REALTA’ INCONCILIABILI?

 

https://event.webinarjam.com/channel/Gnosi

 

Saluto del SGCGM della GLDI, Fr. Luciano Romoli e introduzione del Fr. Giancarlo Guerreri, GMA della GLDI.

 

Relatori:

 

Paolo Riberi: laureato in Filologia e letterature dell’antichità e in Economia presso l’Università degli Studi di Torino. Funzionario pubblico, giornalista e studioso di storia antica e della letteratura delle origini cristiane, è membro della Società Italiana di Storia delle Religioni (SISR). È autore di alcuni saggi divulgativi dedicati al mondo dei vangeli apocrifi e al pensiero degli gnostici, nonché di un testo, “Il Serpente e la Croce (2021)”, edito da Edizioni Lindau, che sarà oggetto dell'intervento della serata.

 

Titolo e sintesi dell’Intervento:

IL SERPENTE E LA CROCE: Gli eredi dello gnosticismo

Duemila anni fa, alcune sette originarie della Palestina e dell’Egitto sostenevano di essere depositarie di un insegnamento segreto, che sarebbe stato impartito direttamente da Gesù Cristo ad alcuni eletti come Maria Maddalena, Giacomo, Tommaso e Giuda. Nacquero così i vangeli gnostici, opere in cui le dottrine del cristianesimo ufficiale venivano drasticamente rivoluzionate e rivisitate in chiave dualistico-esoterica. Un simbolo che accomunava molti di questi movimenti iniziatici era il serpente, venerato in qualità di mitico portatore della Gnosis, ossia della Conoscenza segreta.

 

Emanuele Maffia: nato a Milano, nella vita si occupa di analisi e progettazione di processi logici per l'erogazione di servizi. Fin da giovanissimo si è dedicato alla ricerca in ambito esoterico, prima Orientale poi Occidentale. Nelle sue ricerche segue un metodo il più possibile filologico, cercando preferibilmente le fonti delle tradizioni. È stato relatore in diversi Convegni, Simposi e Conferenze e dal 2015 è Associate Members della prestigiosa ESSWE European Society for the Study of Western Esotericism.

 

Titolo e sintesi dell’Intervento:

La Pistis Sophia e il Mistero dell’Ineffabile

Verrà presentato il Vangelo "Pistis Sophia" accennando ai Misteri di cui parla, facendo anche qualche rimando ai Libri di Jeu, veri e propri testi, comprendenti rituali, cifre e sigilli, dei Misteri della Gnosi di cui, il Pistis Sophia, fa solo accenni filosofici. Il nucleo centrale della conferenza, quello più importante, è un commento ad alcuni estratti che si riferiscono ad uno dei più importanti Misteri trattati nel testo, ovvero, il “Mistero dell’Ineffabile” che era il più alto dei Misteri trasmessi agli Iniziati della gnosi a cui il Pistis Sophia e i Libri di Jeu si rivolgevano.

 

Claudia Giordani: funzionario museale a Bologna si è laureata in Lettere Classiche con una tesi in storiografia antica. Si è occupata di progettazione didattica e divulgazione scientifica con particolare attenzione alla storia della scienza antica. Ha tenuto diversi seminari sul pensiero e l’opera di Simone Weil, approfondendo in particolare la lettura weiliana della filosofia platonica e della scienza antica rapportate al cristianesimo delle origini. Nel 2020 ha scritto il saggio “Il cristianesimo egiziano ad Aquileia” riguardante la controversa attribuzione a gnostici alessandrini di parte dei mosaici del complesso basilicale aquileiese. Attualmente lavora a Trieste.

 

Titolo e sintesi dell’Intervento:

La Dottrina gnostica e i mosaici della Basilica di Aquileia

Pistis Sophia è un testo gnostico di origine egiziana databile, per quanto riguarda i contenuti, al III secolo d.C..

Il presente contributo mira a illustrare, attraverso comparazioni con fonti antiche documentali e iconografiche l'organizzazione simbolica del pavimento musivo (databile alla seconda metà del III secolo), sottolineandone l'uso rituale da parte di una comunità di cristiani gnostici di provenienza egiziana. Attraverso l'organizzazione delle immagini simboliche vedremo dipanarsi con una chiarezza, quali sbalorditiva per chi sia in grado di destreggiarsi tra le stratificazioni culturali dell'antichità, il cammino di risalita e di purificazione dell'anima del perfetto cristiano attraverso le dimensioni superiori di esistenza.


 

Una breve introduzione alla Gnosi

 

Consideriamo questo scritto una breve introduzione a un argomento piuttosto complesso, un primo passo per invitare il lettore a riconoscere alcuni aspetti storici che hanno preceduto la storia delle religioni del Libro. La Gnosi ha delle valenze sia religiose sia filosofiche e si è sviluppata nel confronto con altre realtà, legate al pensiero dell'Uomo nella sua eterna ricerca del sacro.

Il termine gnosi deriva dal greco antico (gnòsis), vocabolo comune il cui significato originario era "conoscenza".

Nello studio delle religioni, il termine gnosi indica una conoscenza diretta e illuminante della Verità divina. Una conoscenza cristallina, depurata da ogni sovrastruttura culturale o dogmatica, vincolata a particolari contenuti di fede. Conoscenza che si ottiene come illuminazione diretta raggiunta autonomamente per rivelazione interiore, dopo un lungo percorso misterico e iniziatico.

La Gnosi deve essere intesa come conoscenza, illuminazione, emancipazione spirituale e fusione con il divino.

La gnosi ha, quale principio distintivo, la visione duale delle dimensioni trascendente e fisica dell'esperienza. In tal modo viene percepita la differenza tra Mondo spirituale e Mondo materiale, quindi tra Spirito e materia e tra Anima e corpo.

Vista la natura specificatamente esperienziale dell’illuminazione gnostica, forse potremmo definire, tale tipo di conoscenza, un processo autodeterminato e assolutamente individuale.

La percezione del divino viene vista come una esperienza personale, raggiunta dopo un lungo percorso che preveda il distacco da ciò che appartiene alla dimensione materiale. Condividere con altri una tale conoscenza risulta essere se non impossibile quantomeno di ardua realizzazione.

Una pietra miliare della Gnosi è data dal corpus dei Vangeli gnostici, nei quali è presente, pervasivamente, l’idea di un dualismo radicato, oltre che nell’universo, anche nell’Uomo. 

L’Uomo pertanto può divenire consapevole di tale dicotomia interna e aspirare ad una Reintegrazione nell’Unità Celeste, sopprimendo il suo polo carnale ed esaltando quello spirituale.

Tramite il cosiddetto Polo trascendente lo gnostico cerca incessantemente il contatto spirituale con il Deus absconditus, ovvero l’Entità spirituale priva di accezioni, aggettivi o definizioni che si oppone al Dio delle religioni tradizionali, considerato dagli gnostici una vera contraffazione teologica, un’essenza rivale responsabile di quell’accidente cosmico che è la Creazione.

La genesi del pensiero gnostico risale alla Persia del VII secolo a.C..

L’antica religione di Zoroastro vede contrapposte due divinità primordiali: una figura positiva e una negativa. Inizialmente vi era un Signore Saggio che abitava un Luogo sacro, successivamente nacquero due gemelli: lo Spirito del Bene e quello del Male.

In un secondo momento, secoli dopo, quella stessa religione superò l’idea di un Signore Saggio e ridusse le sue divinità a due Entità distinte: Ahura Mazda lo Spirito Buono e Ahriman lo Spirito Malvagio. Sei secoli più tardi, nei Vangeli gnostici troveremo due figure riconducibili a quelle stesse divinità primordiali: Dio e il Demiurgo.

Il Dio e il Demiurgo sono la divinità e il demone che sopraintendono rispettivamente al mondo ultraterreno dello Spirito e a quello terreno della materia. Nel Regno dello Spirito regnano la perfezione, la saggezza e l’amore, nel mondo terreno, la corruzione della materia con tutti gli attributi negativi che normalmente identificano le entità infernali.

L’Uomo stesso è portatore di una evidente dualità: il Corpo, di natura grezza e peritura, plasmata dal malvagio Demiurgo che ne ha introdotto gli istinti più bassi, il dolore, le malattie e la mortalità, e lo Spirito che rappresenta una scintilla di origine divina che si trova imprigionata nel corpo e che fornisce all’Uomo l’autocoscienza, l’intelletto e la razionalità.

Vi è, come in altre strutture religiose, un terzo componente, l’Anima individuale, che funge da terreno intermedio, ed è la dimora dei sentimenti.

Secondo la Gnosi gli Uomini erano a loro volta suddivisi in tre categorie: Ilici, Psichici e Pneumatici.

Gli Ilici erano formati solo da materia, non possedevano né Anima né Spirito. Questi esseri, forse più simili a degli animali, non conoscevano alcuna virtù, erano preda degli istinti e destinati ad annullarsi una volta morti.

Gli Psichici, possedevano un guscio di carne mortale ed un’Anima sede dei sentimenti e della volontà. Tali individui possono degradarsi come gli Ilici e dissolversi nel nulla, oppure evolvere spiritualmente grazie agli sforzi verso un ideale di perfezione, pur senza raggiungere mai la definitiva Realizzazione.

Infine gli Pneumatici sono individui spirituali che possiedono anche la Scintilla divina.

Secondo il Pensiero filosofico la Gnosi è la Via della Perfezione che porterebbe a quel concetto di liberazione karmica, tipico delle religioni orientali. Chi non ha intrapreso e portato a conclusione la Via della Gnosi è destinato a reincarnarsi in nuovi corpi. In tal modo la Scintilla divina e la sua esistenza carnale rimangono nel mondo terreno della Creazione sotto il dominio del Demiurgo e dei suoi servi diabolici, gli Arconti.

Una nota sicuramente curiosa viene data dall’interpretazione del “distacco fisico” verso le necessità del corpo da parte dei seguaci della Gnosi.

Alcune scuole predicavano l’ascetismo, con tutte le rinunce del caso… digiuni, astinenze e privazioni. Altre scuole, al contrario, praticavano il disprezzo verso il proprio corpo con comportamenti lascivi, orgiastici e lussuriosi.

Riportiamo un breve estratto del Panarion di Epifanio:

"Dopo essersi salutati cominciano subito a banchettare, preparano la tavola con porzioni suntuose, mangiando carne e bevendo vino anche se sono poveri… Uomini e donne viziano i propri corpi giorno e notte, ungendosi, facendo il bagno, banchettando e trascorrendo il loro tempo nella prostituzione e nell’ubriachezza. E maledicono chiunque digiuni, dicendo: digiunare è sbagliato. Il digiuno appartiene all’Arconte che ha fatto questo mondo. Dobbiamo nutrirci in modo da rendere forti i nostri corpi, e idonei a dar frutti a suo tempo."

 

 

Quella che abbiamo presentato è solo una brevissima nota introduttiva alla Religione gnostica, in seguito approfondiremo meglio l’argomento.

Per chi fosse interessato, sarà possibile seguire Giovedì 18 novembre 2021, alle ore 21:00, una conferenza webinar dedicata a questi temi.

Giancarlo Guerreri

Redattore CIVICO20NEWS, per gentile concessione dell’autore: https://www.civico20news.it/sito/articolo.php?id=43125

 

 

 

 

La Gran Loggia d’Italia degli A.L.A.M. invita al Webinar:

 

GNOSTICISMO E CRISTIANESIMO,

REALTÀ INCONCILIABILI?

 

 Con la partecipazione del S.G.C.G.M. Luciano ROMOLI

Introduce Giancarlo GUERRERI G.M.A. della G.L.D.I.

 

Giovedì 18 novembre 2021, ore 21:00

 

Link per il collegamento: https://event.webinarjam.com/login/py8krfxytw9tvktqsg

000 persone.

L’evento sarà registrato.

Collegamento massimo 2000 persone

L’evento sarà registrato