Categoria: Archeologia
Autore: France Le Corsu
Editore: Edizioni Ester
Pagine: 446
Prezzo: € 32,00
ISBN: 9788899668525
Anno: 2021
N° catalogo: Collana Altra
Note: Traduzione dal francese a cura di Barbara De Munari. Collana Altra Conoscenza.
Visite: 2497
 / 0
ScarsoOttimo 

Descrizione

Dea, sorella, amante, sposa e madre: un tenero e potentissimo archetipo femminile e il culto isiaco, che gli imperatori romani – da Claudio in poi – trasformarono in una delle componenti religiose predominanti nel tessuto sociale imperiale.

 

Iside, nata in Egitto. La devozione per questa potente dea, sorella-amante di un dio, Osiride, morente e risorgente, si diffuse in tutto il mondo ellenistico, a partire dall’assimilazione alle dee greche “Io” (Aesch. Prom. 588; Herod. 2, 41) e “Demetra” (Herod. 2, 156). Nel 333 a.C. esisteva già sul Pireo un santuario della dea (CIA 2, 168). 

Traduzione dal francese a cura di Barbara de Munari, per Edizioni Ester Channel.

France Le Corsu, egittologa di professione, è stata segretario della Società Francese di Egittologia. Conoscitrice degli autori classici, storica delle religioni, la signora France Le Corsu ha lavorato per lungo tempo allo studio dei culti di Iside.

Della stessa autrice:

Cleopatra era brutta?, Bollettino della Società Francese di Egittologia, 42, 19-27.

Una descrizione inedita di Abu-Simbel: il manoscritto del colonnello Straton, Ibidem, 45, 19-32.

Un oratorio pompeiano dedicato a Dioniso-Osiride, Ibidem, 51, 17-31.

Cleopatra-Iside, Ibidem, 82, 22-23.

Quelques motifs égyptiens survivant dans l'architecture religieuse alexandrine, Revue d'Egyptologie,  Paris, Klincksieck, 1966

Stèles-portes égyptiennes à élements emboîtés d'époque gréco-romaine, Revue d'Egyptologie, Paris, Klincksieck, 1968

Plutarque et les femmes, dans les vies parallèles, Les Belles Lettres, Paris, 1981.

 

 

 

 

 

 

Data inserimento: Domenica, 28 Ottobre 2018