Categoria: In Pubblicazione
Autore: Isha Schwaller de Lubicz
Editore: Edizioni Ester
Pagine: 400
Anno: 2024
Note: Traduzione dall'inglese a cura di Barbara de Munari
Visite: 21
 / 0
ScarsoOttimo 

Descrizione

Scritto da Barbara de Munari

Isha Schwaller de Lubicz

 

L'APERTURA DEL CAMMINO

Una guida pratica alla saggezza

dell'antico Egitto

 

© 1981 Inner Traditions lnternational Ltd. 377,

New York

© 2024 Edizioni Ester, Torino

Traduzione dall’inglese a cura di Barbara de Munari

 

 

«L'Apertura del Cammino», un libro solidamente basato sulle realtà spirituali che costituivano i pilastri funzionali della saggezza dell'antico Egitto, e anche la base della tradizione spirituale occidentale, ha lo scopo di aiutare il lettore ad accedere all'unità dinamica che produsse la più grande di tutte le civiltà conosciute, l'Antico Egitto.

Per l'autrice l'uomo moderno è il prodotto di svariati secoli di cultura cerebrale. Questo stato d'animo pretende di spiegare l'uomo e l'universo unicamente con la ragione, senza supporre alcuna causa creativa. L'uomo non può ammettere l'esistenza di leggi o forze naturali diverse da quelle che il suo ragionamento può abilmente analizzare. La ricerca sulla natura umana ha quindi preso una direzione biologica, chimica e meccanica e non ha fornito risposte costruttive alla domanda su come dovrebbe essere vissuta la vita.

Lo squilibrio nervoso provocato da questa mentalità analitica non può tollerare il silenzio o l'inattività, senza i quali non si può avere la vera intuizione o esperienza spirituale.

Isha Schwaller de Lubicz postula che la comprensione della relazione armoniosa di tutte le parti del nostro universo debba essere raggiunta non attraverso la ricerca intellettuale, ma solo attraverso il sentiero del silenzio e della vera meditazione.

Con «L'Apertura del Cammino» come guida, il lettore può imparare come risvegliare quella che gli antichi Egizi chiamavano "l'intelligenza del cuore", la maestra dell'armonia nel nostro corpo così come la nostra connessione con il cuore del mondo.

L'autrice definisce tali termini come "anima", "coscienza" e "conoscenza di sé" e ci aiuta a riconoscere in noi stessi gli stati di energia sottile che sono elementi immortali e quindi ci permettono di elevarci al di sopra dell' "uomo animale". Presenta anche uno studio del corpo umano, mostrando la relazione dei vari organi con il flusso sanguigno e con le fonti di energia vitale.

Lo scopo qui è quello di presentare una visione semplice ma esauriente dell'unità della costituzione umana e dell'interazione della sua vita funzionale. Con questa conoscenza diventiamo consapevoli dell'armonia che li governa e li mette in relazione con le corrispondenti funzioni dell'universo. L'uomo è una manifestazione individuale di tutte le funzioni, poteri e affinità dell'universo, e la sua coscienza è la misura della sua individualizzazione, del suo potere di rendere attuale ciò che è ancora solo virtuale nell'armonia cosmica.

«L'Apertura del Cammino» sviluppa nel lettore la conoscenza di questi diversi elementi e della genesi e del legame spirituale che li unisce.

 

 

 

 

Illustrazione di copertina (provv.) di Lucie Lamy: Lo sciacallo Upuat, “l'apritore di vie”, trascritto da un bassorilievo di Karnak, Tempio di Amon.

 

 

Data inserimento: Mercoledì, 03 Luglio 2024